“AUA POINT”: IL NUOVO APPLICATIVO DI ARPA LOMBARDIA PER LA RACCOLTA DEI DATI DI AUTOCONTROLLO DELLE EMISSIONI

Ambiente, ecologia, risparmio energetico

Si segnala che ARPA Lombardia ha implementato l'applicativo «AUA POINT», disponibile sul sito istituzionale (www.arpalombardia.it/AUAPOINT), finalizzato alla raccolta dei dati di autocontrollo delle emissioni in atmosfera e degli scarichi idrici degli impianti produttivi, che non rientrano fra le tipologie soggette ad autorizzazione integrata ambientale (AIA).

L’inserimento di dati nell’applicativo permetterà, come esplicitato nella Delibera della Giunta Regionale 18 novembre 2019, n. XI/2481, di:

  1. rendere sistematica la raccolta dei dati per agevolare le successive elaborazioni ai fini delle comunicazioni degli stessi al Ministero dell’Ambiente;
  2. pubblicizzare i dati ambientali delle aziende, esigenza prima riscontrata con l’invio dei dati e delle informazioni correlate a Comune, Provincia e Dipartimento ARPA territorialmente competente;
  3. elaborare i dati sia su base regionale sia su ambiti territoriali più ristretti permettendo di ottenere informazioni utili per l’elaborazione dei piani di risanamento della qualità dell’aria e per la valutazione dell’impatto degli scarichi diretti nei corpi idrici;
  4. monitorare le prestazioni ambientali per tipologia di azienda;
  5. verificare l’andamento della qualità delle emissioni della singola azienda nel tempo (controllo documentale).

Resta inteso che sono tenuti all’inserimento i Gestori delle attività rientranti nel campo di applicazione definito nell’Allegato 1 della delibera regionale (consultabile cliccando QUI), le cui autorizzazioni (espresse o di carattere generale) prevedono esplicitamente l’effettuazione degli autocontrolli alle emissioni in atmosfera o agli scarichi.

I suddetti Gestori potranno caricare sull’applicativo AUA POINT, a partire dal 1° gennaio 2020, i dati degli autocontrolli alle emissioni e agli scarichi, laddove previsti nelle rispettive autorizzazioni ambientali; tale caricamento sostituisce, laddove prevista, la trasmissione dei dati all’Autorità competente, Comune e ARPA; viene prevista l’attivazione di una fase sperimentale fino al 31 dicembre 2020, finalizzata a garantire l’adeguata formazione ed informazione dei soggetti coinvolti; i Gestori dovranno comunque conservare presso l’azienda i rapporti di prova unitamente alle eventuali informazioni previste nelle prescrizioni contenute nell’autorizzazione.

I dati da inserire sono quelli richiesti nel piano di monitoraggio dell’autorizzazione/allegato tecnico e già codificati (menu a tendina) nell’applicativo.

L’applicativo presenta tre SEZIONI DI AUTOCONTROLLO, da compilare in base alla tipologia di autorizzazione; l’inserimento viene effettuato selezionando, tra le sezioni disponibili, quelle di interesse, attraverso finestre e/o maschere che guidano alla compilazione dei dati.

I dati degli autocontrolli dovranno essere inseriti secondo le scadenze previste nelle autorizzazioni e comunque entro il 1° marzo dell’anno successivo a quello del periodo monitorato; a partire da tale data i dati inseriti verranno convalidati (ovvero “bloccati”, non più modificabili) automaticamente dall’applicativo.

Api Notizie n. 46 del 09 dicembre 2019