DEPOSITO TEMPORANEO DEI RIFIUTI SPECIALI

Ambiente

Ritorno alle regole pre Covid19

Tra le altre cose, la legge nazionale n° 77 del 17 Luglio 2020, detta “Decreto Semplificazioni”, riporta le regole di stoccaggio dei rifiuti speciali presso i produttori, alle regole esistenti prima dell’emergenza Covid.
In sintesi l’art 228-bis riporta l’abrogazione dell’articolo 113-bis introdotto dalla legge 24 aprile 2020, n. 27 che aveva modificato le dimensioni quantitative del deposito temporaneo di rifiuti speciali, ex art. 183, comma 1, lettera bb), numero 2), del D.lgs. 152/2006.
Con questa abrogazione ritornano in vigore le seguenti disposizioni:
• limite temporale pari a 3 mesi per il deposito temporaneo di rifiuti prodotti in quantità elevata;
• limite temporale di 12 mesi per i rifiuti che rispettano il limite volumetrico di 30 mc complessivi, di cui massimo 10 mc di rifiuti pericolosi (nb: in emergenza i limiti erano: 18 mesi e 60 mc di cui massimo 20 mc di rifiuti pericolosi)
Regione Lombardia avrebbe termini leggermente diversi, fino a 30 gg dopo la fine dell’emergenza (31 luglio 2020), ovvero: 6 mesi per il limite temporale senza limiti di quantitativi; 12 mesi per il limite volumetrico se si rispetta il limite di 60 mc di rifiuto di cui massimo 20 mc di pericolosi. Tuttavia, essendo ormai la situazione in continua evoluzione, in via cautelare, è prudente utilizzare i limiti riportati nel D,lgs. 152/2006 ante emergenza Coronavirus.

 Api Notizie n. 30 del 27 luglio 2020